Stampa

Obesita' infantile - Epidemiologia - Diagnosi clinica

Scritto da Martina. Postato in Obesita' infantile - Epidemiologia

Per quanto riguarda la diagnosi di obesità o sovrappeso nel bambino sotto i 2 anni, si fa uso dei percentili basati sul rapporto peso/lunghezza.


La crescita è nella norma se si pone intorno al 50° percentile, mentre più si supera il valore medio più aumenta il rischio di obesità; pertanto, per valori pari o superiori all'85° percentile il bambino viene definito sovrappeso, mentre per valori pari o superiori al 95° percentile il bambino viene definito obeso.

  • Rischio sovrappeso: >85° percentile (>1 DS);
     
  • Sovrappeso: >97° percentile (>2 DS);
     
  • Obesità: > 99° percentile (>3 DS).

Per la fascia di età che si protrae dai 2 anni fino ai 20 anni, la diagnosi di obesità o sovrappeso si basa sull' uso dell'Indice di massa corporea (IMC o BMI) che è il rapporto peso / altezza (kg/m2), il BMI è espresso in percentili ed è questo il parametro per definire e valutare lo stato nutrizionale di questa fascia di età:

  • Sovrappeso: > BMI corrispondente al percentile che interseca il BMI di 25 all'età di 18 anni;
     
  • Obesità: >BMI corrispondente al percentile che interseca il BMI di 30 all'età di 18 anni. [1]

 


[1] WHO - World Health Organization - Growth reference data for 5-19 years - http://www.who.int/growthref/en/

   


Le informazioni rese disponibili su questo sito non sostituiscono, in nessun caso, un consulto, una visita o una diagnosi che è invece bene farsi formulare da un medico e non devono essere pertanto considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l'assunzione o la sospensione di un farmaco senza che prima venga consultato un medico di medicina generale o uno specialista. Quindi, l'utilizzo di tali informazioni è sotto la responsabilità, il controllo e la discrezione unica dell'utente. Il mio consiglio principale e prioritario è sempre ed in ogni caso quello di consultarsi prima di tutto con un medico di medicina generale e/o con un medico specialista.